Cerca nel blog

domenica 23 febbraio 2014

Pasta fresca





Fare la pasta fresca in casa è storia antica: dalla sfoglia tirata con il mattarello, si ricavavano già tantissimi anni fa le tagliatelle, i tagliolini, lasagne, ravioli e tortellini. Oggi giorno sono ben poche, a causa del tempo che non è mai abbastanza, le donne che si dilettano a preparare un piatto di tagliatelle con la pasta fatta in casa. Eppure, se si fanno i conti, non ci vuole molto tempo per preparare una buona pasta; gli ingredienti infatti si impastano e si lavorano in 15-20 minuti; 30 minuti è il tempo che la pasta deve stare a riposo, 15 minuti il tempo che serve per stendere la sfoglia e ricavare la sfoglia.

Quindi in 1 ora il "gioco" è fatto!!!!


Ingredienti (per circa 500gr di pasta, dose sufficiente per 8 persone):

4 uova
400gr di farina
un cucchiaio di olio d'oliva
un pizzico di sale

Procedimento:
Disponi sulla tavola la farina a mucchio, creando un vuoto al centro. Dentro rompici le uova, aggiungi il sale e - questo è il segreto - anche un cucchiaio di olio d'oliva!
Lavora il tutto ben bene con le mani fino a quando risulterà un impasto morbito e liscio.
Per quanto tempo si deve impastare??
"fin c'at suda al cul..!!" ...(finchè non ti suda il culo..)..dice mia nonna Renza!!!!! ;-)
A questo punto coprila con un canovaccio e lasciala riposare per un quarto d'ora circa.
Poi, sulla tavola infarinata, con il mattarello tira ben bene la sfoglia fino a renderla sottile e falla asciugare un poco...
Ricorda che per ogni uovo devi mettere un etto di farina ed otterrai così un etto e venti di pasta, dose sufficiente per due persone. Per dare alla pasta un colore ed un sapore diverso, aggiungi all'impasto verdure cotte e tritate, come spinaci o biete. Ricorda che in questo caso devi mettere più farina per asciugare l'acqua delle verdure: ad esempio se usi tre uova, dovrai adoperare quattro etti di farina per mezzo chilo di verdure crude.

E per giocare meglio, eccovi, un piccolo, ma utile decalogo per preparare una perfetta sfoglia.

La prima cosa veramente importante è usare la spianatoia: infatti la rugosità del legno è più indicata di una semplice superficie liscia; quando poi metterete le uova nella farina, sbattetele leggermente con una forchetta e poi cominciate subito a impastare con le dita in modo che l'uovo non vada fuori dalla fontana.
Il terzo passo è l'aggiunta del sale che, secondo le correnti emiliane, non andrebbe aggiunto all'impasto; secondo altri, invece, un pizzico di sale non farebbe male.
Evitate di impastare vicino a correnti d'aria infatti l'aria può far seccare la pasta, e attenetevi alla propozione tra farina e uova: un uovo ogni 100 gr di farina. Un'altra cosa, importante è la lavorazione: la pasta va lavorata almeno per 10 minuti, sbattendola ogni tanto sulla spianatoia per renderla più elastica; una volta finito di impastare il vostro panetto di pasta, fatelo riposare in un panno umido, poi stendete col mattarello poco impasto per volta e il restante tenetelo sempre ben coperto con il panno umido. Ricordatevi di infarinare la spianatoia per fare in modo che la pasta non si attacchi. Se con la pasta avete intenzione di fare dei tortellini, preparate il ripieno prima della pasta e, solo in questo caso, potete ridurre il numero delle uova, in quanto il ripieno è già abbastanza sostanzioso.
Con queste poche "regole" vedrete che la vostra pasta risulterà liscia ed elastica e le vostre ricette veramente insuperabili.
Fatemi sapere........