Cerca nel blog

sabato 18 maggio 2013

Friulano (ex Tocai friulano)


Il vino Friulano, ex Tocai friulano, è un vino secco, fruttato, dal finale in bocca di mandorla gentile, colore giallo paglierino e profumo intenso. Un vino autoctono tra i più pregiati d’Italia che nasce in una regione in cui terra e clima sono l’ideale per la coltivazione della vite. Parlando del vino Friulano, in origine Tocai friulano, il suo nome è stato modificato nel 2007 in “vino Friulano” a conclusione di un contenzioso con la Comunità Europea durato oltre tredici anni, a causa della denominazione ritenuta troppo simile a quella dell’ungherese Tokaj. Tra i vini friulani, è una viticoltura con radici millenarie, un’offerta enologica forte di tecnologie all’avanguardia e tecnici di prim’ordine, portano il vino simbolo del Friuli Venezia Giulia, il vino Friulano a occupare un posto da protagonista nel panorama dei grandi vini.
Il vino Friulano non ama invecchiare. Le versioni fresche sono pronte da assaporare già nell’anno successivo alla vendemmia, grazie alla capacità di mantenere integre le sensazioni dell’uva pienamente matura.


Grappolo
Di grandezza media, ma discontinua per cui si possono avere grappoli di 10-20 cm sulla stessa vite. Forma cilindrica o tronco-piramidale. con due ali contenute. Mediamente compatto. Peduncolo robusto, verde, ben visibile, semilegnoso. Acini tondi, buccia leggera, pruinosa, talvolta punteggiata, di colore verde o giallo a seconda del clone. Pennello corto, sottile. Cercine medio, stacco leggero. Vinaccio li medi in numero di due o tre.


Vino
Fine, delicato, con sapore di mandorla amara, fruttato, pieno e grasso anche nella lavorazione in bianco. Molto rotondo specie per il suo basso tenore in acidità fissa e la gran quantità di glicerina. Alcol medio-alto. Colore giallo paglierino con riflessi verdognoli. Vino da bersi giovane. Nel caso lo si debba destinare all’invecchiamento è bene anticipare di qualche giorno la vendemmia. E' una delle gemme del Friuli.
Accostamenti gastronomici
Vino aperitivo e da antipasti magri e all’italiana, minestre in brodo e asciutte, piatti di pesce salsati. Melanzane fritte. Va servito alla temperatura di 12 gradi.